ANCORA TU!

Jena per “La Stampa”
– Ancora tu, non mi sorprende, lo sai? Ancora tu ma non dovevamo vederci più? Sei ancora tu, purtroppo l’unico, ancora tu, l’incorreggibile ma lasciarti non è possibile, lasciarti non è possibile… Disperazione e gioia mia sarò ancora tuo sperando che non sia follia ma sia quel che sia.Ieri sera i parlamentari dell’Ulivo erano riuniti con Veltroni quando hanno improvvisamente cominciato a cantare. Era arrivato Prodi.

Precedente IL DOTTOR PAPA Successivo SIRCANA E I GIORNALI