Così parlava Vittorio Feltri a proposito del suo attuale boss

“Il dottor Silvio di Milano 2, l’amico antennuto del Garofano, pretende tre emittenti, pubblicità pressoché illimitata, la Mondadori, un quotidiano e alcuni periodici. Poca roba. Perché non dargli anche un paio di stazioni radiofoniche, il bollettino… dei naviganti e la Gazzetta ufficiale, così almeno le leggi se le fa sul bancone della tipografia?“ (Vittorio Feltri – L’Europeo 1991)
Precedente (vignetta) - Gelmini: "Scuola, tetto per gli stranieri!" Successivo (vignetta) - Sfida in tv

14 commenti su “Così parlava Vittorio Feltri a proposito del suo attuale boss

  1. Il guaio è che passiamo la vita davanti a questo spettcolo, a questi personaggi osceni che ci obbligano a pensieri vomitevoli: dov'è finita la funzione di ogni essere pensante di elaborare il passato, analizzare il presente e intravdere il futuro proponendo costruttività?

  2. in questo caso il padrone ne sta ricevendo un servizio o un disservizio ? e poi non vi sembra che gli stia pisciando sulla gamba!

  3. "Il guaio dell'arteriosclerosi è che ci si scorda ciò che si dice"… disse uno ad un altro e l'altro "Oh sì, anch'io faccio sempre jogging al mattino" e questo in quel paese era un dialogo normale.un saluto da Altrove

I commenti sono chiusi.