Il vino simbolo dello stare insieme e del legame sociale, “ingrediente” fondamentale delle feste

Protagonista dei brindisi di auguri, nei calici che affollano le tavolate già ricche di golosità ed abbondanza, il vino, nelle feste di fine anno, è assoluto protagonista. E, forse più che in altri momenti dell’anno, si carica di una simbologia, religiosa e laica, molto forte ed importante. Come racconta a WineNews Marino Niola, giornalista, scrittore e professore di Antropologia e Miti e Riti della Gastronomia all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. (continua a leggere qui…)

Precedente Il rosé più buono bevuto quest’anno, Puech-Haut Successivo Qual è il bicchiere giusto per ogni distillato?