La costituzione non si tocca. Fa sesso regolarmente e non ne sente il bisogno. (pacate riflessioni)

Spero vivamente che la futura classe dirigente non sia quella che in questi giorni si sta buttando merda reciprocamente sui social per il referendum. Sarebbe la fine. Mi sto vergognando per questa campagna referendaria. Credo che si stiano toccando punti così bassi da cui sarà difficile tornare.


Il problema è che la maggioranza degli italiani non è mai andata oltre questo ragionamento: se a me sta andando bene allora è tutto ok. Se a me sta andando male è tutto uno schifo.
Così, non essendoci grandi leader in circolazione, ci si affida a populismi di varia natura. E con la storia dei migranti e la crisi economica, questo stato di cose non può che peggiorare almeno per i prossimi 20 anni.
 
Non ci rimane che attaccarci alla speranza che almeno gli stupidi non siano mai davvero così tanti da prendere direttamente il potere.
Precedente 185 - L'essenziale è... Successivo A volte Michele Serra è definitivo

Un commento su “La costituzione non si tocca. Fa sesso regolarmente e non ne sente il bisogno. (pacate riflessioni)

  1. merlino il said:

    spreranza vana….. ma abbiamo una scusante: noi siamo ancor più stupidi di loro (e pure pecoroni)

I commenti sono chiusi.