Precedente Protesta nelle scuole, paura del Viminale per le infiltrazioni Successivo Walter al Circo Massimo

28 commenti su “L’america della crisi

  1. Pellescura, bella la vignetta in inglese ma lasciatelo dire in francese: CHIC il nuovo style.BloggerITALY ITALIA

  2. ma infatti concordo con Anna! Troppo piccolo! ;)Ieri comunque Berluscono ha detto che dobbiamo stare tranquilli, anzi che la crisi per noi è solo positiva. Ma questo qui è malato!

  3. Anonimo il said:

    No problem! Noi abbiamo il duo Tremonti-Brunetta.Quasi meglio di un suicidio!Leningrad cowboys blog

  4. ehmmm! ciao ricambio la tua visita da me, gran bel post, idea geniale e concordo con chi qui sopra ritiene che il buco sul muro sia troppo piccolo e che finiscono per pagarne la “riparazione” sempre i soliti!buon week endAle

  5. « La nostra musica può darvi i peggiori incubi, o lanciarvi nell’estasi più affascinante. Solitamente si verifica questa seconda opzione. Ci accorgiamo che il nostro pubblico smette di ballare: rimangono tutti in piedi, a bocca aperta, in estasi. »Roger Waters relativamente al suo pubblico« Le mie cazzate possono darvi i peggiori incubi, o lanciarvi nell’estasi più affascinante. Solitamente si verifica questa seconda opzione. Ci accorgiamo che il nostro pubblico smette di ballare: rimangono tutti in piedi, a bocca aperta, in stato di rincoglionimento totale. »S.Berlusconi relativamente al suo pubblico.

  6. però, con questa storia della borsa, stanno facendo credere alla gente che se non arriva a fine mese la colpa è delle banche americane e delle borse asiatiche

I commenti sono chiusi.