Precedente Silvio, gli stupri e le belle donne Successivo Papà, che vuol dire ergastolo?

26 commenti su “Lula, Battisti e meu amigo Charlie Brown

  1. Hola no se puede rinunciare al trenino e neanche alla fagiolada con la faroffa (buonissima)…….hasta la vista hombre!!!!!!!

  2. complimenti Pietro!comunque non temere il brasile rientrerebbe col 25%! ma mi hai fatto pensare che magari silvio cerca la scusa per vendersi Kakà!

  3. Colpa tua!Stamattina continua a girarmi nella testa la canzoncina del trenino :)Cmq sono belle le vignette in video, aumenta l’effetto sorpresa della battuta finale.gio

  4. ahahhaah.I veri problemi italiani. Capodanno e trans.C’è chi non sa vivere senza di loro…e intendo:trans+trenino+capodanno.

  5. ahhhh prima non avevo ascoltato l’audio (forse temevo un’altro impazzimento come ieri per trovare la canzone)…è una cosa favolosa… anch’io non ci voglio rinunciare. Spero Silvio risolva la crisi. Di sicuro manderà a tratttare la Carfagna… a proposito che cavolo fa?

  6. Abbiamo la Vanoni (musica brasiliano-italiana), a me basta, sono un nazionalista!Complimenti Pietro, ahahha, un saluto.Blogger

I commenti sono chiusi.