Noi ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente!

Peppino: Sei andato a scuola, sai contare?
Giovanni: Come contare?
Peppino: «Come contare»? Uno, due, tre, quattro. Sai contare?
Giovanni: Sì, so contare.
Peppino: E sai camminare?
Giovanni: So camminare.
Peppino: E contare e camminare, insieme, lo sai fare?
Giovanni: Sì, penso di sì…
Peppino: Allora forza. Conta e cammina. Dai. Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto…
Giovanni: Dove stiamo andando?
Peppino: Forza, conta e cammina! […] ottantanove, novanta, novantuno, novantadue…
Giovanni: Peppino…
Peppino: …novantatré, novantaquattro, novantacinque, novantasei, novantasette, novantotto, novantanove e cento! Lo sai chi c’abita qua?
Giovanni: Ammuninne!
Peppino: Ah, u’zu Tanu c’abita qua! Cento passi ci sono da casa nostra, cento passi! Vivi nella stessa strada, prendi il caffè nello stesso bar, alla fine ti sembrano come te! «Salutiamo zu’ Tanu!» «I miei ossequi, Peppino! I miei ossequi, Giovanni!». E invece sono loro i padroni di Cinisi! E mio padre, Luigi Impastato, gli lecca il culo come tutti gli altri! Non è antico, è solo un mafioso, uno dei tanti!
Giovanni: È nostro padre.
Peppino: Mio padre, la mia famiglia, il mio paese… io voglio fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare che mio padre è un leccaculo! Noi ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente!

Precedente Un uomo aveva tre care amiche ma non sapeva quale sposare. Successivo "P A D A N I A…U N O O O O!!!!"

3 commenti su “Noi ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente!

  1. ricordo ancora il giorno in cui l'ho visto per la prima volta al cinema. Ricordo ancora i lucciconi che avevo agli occhi e gli applausi fragorosi con tanto di standing ovation in sala.Un film indimenticabile…Che tanto ha da dirci ancora oggi. Soprattutto oggi.

  2. Il problema, e ora non vorrei apparire come disfattista, ma più che altro come realista, è che una buona maggioranza della gente si è aassuefatta, abituata. Ecco, credo che il compito sia quindi quello di disabituarli, per quanto possibile.

I commenti sono chiusi.