Non è vero che non c’è più il valore della famiglia. Lo dimostrano i concorsi pubblici della forestale.

Bravi. Anzi, bravissimi. Ma non c’erano dubbi, visto che spesso la sapienza passa di padre in figlio. E così, da una parte il caso, dall’altro le conoscenze e le tante doti è accaduto che tra i 500 vincitori al concorso allievi per il Corpo forestale, molti tra questi sono figli di comandanti, dirigenti, uomini di stretta vicinanza del capo del Corpo, Cesare Patrone. Il fato, infatti, è stato così generoso nei loro confronti, che molti di costoro sono stati, addirittura, assegnati nelle stazioni dove comandano i loro capo famiglia. Non sfugge, infatti, che la sorte abbia riservato a Matteo Colleselli la stazione di Candaten proprio nell’area dove papà, comanda la regione Veneto; e così è accaduto a Stefano Piastrelli figlio del capo di Perugia, o a Massimiliano Giusti discendente diretto del numero due della regione Umbria. Ma le regalie della dea bendata non finiscono qui. Tanto che a trarne beneficio è toccato pure a Matteo Palmieri, «omonimo» del capo della segreteria del Corpo e destinato in Puglia, terra d’origine, a Francesco Polci (figlio del vice comandante d’Abruzzo assegnato a Chieti), a Massimo Priori (omonimo del caposervizio del personale assegnato a Livorno), a Vittorio Scarpelli (figlio del dirigente del servizio ispettivo assegnato nel vicino Abruzzo), nonché al figlio del comandante di Taranto, Pasquale Silletti, assegnato alla stazione di Cassano Murge a Bari, a Dante Stabile, parente del capo di Napoli finito alla stazione di Boscoreale in Campania.
(La Stampa)

Per ulteriori colpi al fegato clicca qui

Ti è piaciuto il post? Vota Ok oppure No. Grazie!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Precedente Vicenda sbarco clandestini. Il bar(ac)cone dell'Italia respinto dal Consiglio d'Europa e dall'Onu Successivo Ma il blog è in crisi?

14 commenti su “Non è vero che non c’è più il valore della famiglia. Lo dimostrano i concorsi pubblici della forestale.

  1. Purtroppo è nel dna italiano questa cosa. Vai a vedere ad esempio i graduati dell’esercito, tutti figli di altri graduati. Oppure se andiamo a vedere i giornalisti affermati, tutti figli di altri grandi giornalisti. E così via…

  2. e quindi i figli dei poveracci faranno i poveracci, con la marginalita’ che si chiude a spirale su se stessa..

  3. Sì ma di questo passo Pietro non passo più a trovarti: non è possibile che mi fai incazzare e deprimere tutti i giorni :-((

  4. Pietro non capisco di cosa ti stupisci ancora.Questa è solo la seconda parte della tragedia italia: prima gli avvocati erano solo figli di avvocati, stessa regola per notai architetti, e dirigenti vari… oggi vale anche per gli altri settori della vita civile (civile si fa per dire!)

I commenti sono chiusi.