Pensiero del giorno (funesto)


Adesso improvvisamente spariranno dalle tv le immagini della spazzatura di Napoli e le interviste alle vecchiette al mercato che non ce la fanno più a comprare le zucchine.
Ma io non ho più voglia di spiegare che si tratta di regime mediatico.
Che si fottano tutti!

Precedente MI SENTO COSI' Successivo

12 commenti su “Pensiero del giorno (funesto)

  1. ciao pellescura, è da un po’ che volevo venire a trovarti, ma ero impegnata in campagna elettorale e nn ho avuto tempo. Non pensiamoci per ora alla disfatta, distraiamoci. tanto per il momento possiamo solo guardare basiti e inermi. Forse tornerà la voglia di impegno, ma ora mi sento come te, incazzata e statica.carino il tuo blogciao ciao

  2. Tranquille, ritornerà l’entusiasmo. Credo che ne vedremo delle belle, intanto curiamo il nostro orticello che magari ha bisogno di attenzioni.

  3. no, no, no. L’energia usata finora per resistere alla campagna elettorale, è nulla in confronto a quella che serve da oggi in poi!Riposati ma poi rialzati.Ti lascio un krapfen alla crema per ridarti un po’ di energia 🙂

  4. @ donna cannoneE’ incredibile, non ci crederai, sono rimasto a bocca aperta, appena ho aperto la bacheca per i commenti e ho letto il tuo, non riuscivo a credere ai miei ochi, stavo mangiando un krapfen alla crema, giuro.Hai la sfera di cristallo, confessa.

  5. Mentre ti scrivo c’è il corteo del nuovo sindaco del mio paese…centro-destra…ormai mi ci sono già assuefatta, lo trovo quasi normale.Allora hanno veramente vinto.Ciao

  6. @ donna cannoneHo capito chi sei, sei la fornaia dove vado a prendere il pane, non puo’ essere altrimenti:-)@ mariadabbiamo perso nonostante il tuo impegno:-) Ora non ci resta che aspettare sulle sponde del fiume e vedere i cadaveri che scendono (azz che immagine devastante) @ brunoconsolati col fatto che avrai migliaia di spunti per le tue vignette, magra consolazione ma dobbiamo attaccarci a tutto.@ immagine, grazie@ stellavaleresisteremo!@ danieleil momento di sconforto era inevitabile, ma si va avanti, io credo ancora in una società che protegga i deboli e metta i furbi in una situazione di non nuocere.@ luciache devo dirti, mi vedo lì con te, dalla finestra a sbirciare sti cortei di gente con la catena al piede e al cervello che si definisce popolo della libertà…una risata prima o poi li seppellirà…

I commenti sono chiusi.