Pronta la copertina dell’ultimo disco della band più acclamata del pianeta, manca il titolo, diamoglielo

La critica vede in questo ultimo lavoro un ritorno alle origini, al vecchio rock latino, nei testi una ossessione sospetta nei confronti delle tematiche sessuali, e un retorico richiamo alla pace tra i popoli e sulla fame nel mondo

Vota su

Precedente Vignetta scontata Successivo Un anno di vignette

25 commenti su “Pronta la copertina dell’ultimo disco della band più acclamata del pianeta, manca il titolo, diamoglielo

  1. non so se potrò perdonarti mai per aver usato freddie mercury…non sopporto la blasfemia…povero freddie, morto per i nostri peccati ed ora associato ad un papa…

  2. E’ una foto storica di Freddy Mercury, con la testa di Benedetto, in una foto in cui aveva i capelli scompigliati dal vento, con un’aggiunta di un baffo rock, anche se forse è più country. In effetti il povero Freddy si rivolterebbe nella tomba… (Silvio hai ragione).Belli i titoli, si sta vagliando…

  3. Freddy era un mito e lo e’ tutt’ora…Ha scritto un pezzo di Storia nella musica mondiale. Se fosse qui oggi,con la sua voce, sarebbe re incontrastato….Altro che Apicella:)

  4. Questo disco penso di averlo già, me lo ha masterizzato il mio amico Bagnasco, la copertina mi mancava e il titolo non me lo ha scritto. E’ quello che tra le altre contiene alcune cover tipo:No Woman no Gay (Bob Marley)Nazi Little Thing Called Love (Queen)Hallo Darwin (Louis Armstrong)8 x Mile (Eminem)I’m IOR Man (Wham)Pope don’t preach (Madonna) ?

I commenti sono chiusi.