A proposito di Napoli


(Provocazione)
Quando in tv parlano dei problemi di Napoli, e purtroppo capita spesso, alla fine del servizio c’è sempre l’intervista all’uomo della strada con la faccia simpatica che chiude quasi sempre così:

” Vabbè uagliù ma Napoli è sempre Napoli” .

Forse quando non sentiremo più questa frase i napoletani avranno fatto un passo avanti.

Precedente I temi di oggi Successivo

12 commenti su “A proposito di Napoli

  1. Sì. Anche perchè quella frase, essendo drammaticamente vera, è indicativa dell’assoluta situazione di stallo in cui verte Napoli più o meno dall’epoca “brigantaggio” fino ad oggi.[Io intanto a scappare da qui ci provo sempre, visto che non riscontro alcun margine di miglioramento].Realisticamente,Lucia

  2. Vorei aggiungere però che a la fin de la fera: Milan l’è un gran Milan, ghem un coeur inscì !!E pure che’t poli dì chi cat voli, ma Turin l’e propi bela!Ed infine che se ghe penso alloa mi veddo o mâ, veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ, riveddo o Righi e me s’astrenze o chêu, veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu…Son venuto ad attaccar briga con la sagra del luogo comune popolare itinerante… AH AH AHCiao e buona giornata!

  3. Io invece, fortemente O.T. sono passata un attimo a ricambiare il saluto graditissimo di Pellescura.Un saluto, un sorriso, un abbraccio e … chissà, un a rileggerci.Grazie!

  4. pecchè??? vulite dicere ca napule nun è semp napule???????????? ehehehehh tenimm o sole, o mare, e figli piezz e core… nu poc e munnezza p’a via… ma che ffà???? chi ha avuto avuto avuto e chi ha dato dato dato… scurdammece o passat… simm e napule paisà!!!! a daniele: la dicono, la dicono… grande russo!!!we pelle, posso metterti tra i miei net friend???????

  5. 🙂 ho avuto da poco un’animata discussione con la mia migliore amica a riguardo…Un saluto, a presto!p.s.ho notato che mi hai aggiunta tra i tuoi link, grazie…Farò lo stesso!

  6. chiedo venia ad anna… per farmi perdonare mi metto a suonare fuori al balcone, con la macchinetta di caff� al mio fianco (ovviamente quella col “cuppitiello” di carta)e la gabbietta col canarino, e dedico al professore di fronte, guardando il vesuvio, un ricco e vasto repertorio: da ‘o sole mio a non mollare mai di gigi d’alessio… perch� l’olografia va pur sempre aggiornata !!!:)

  7. io credo che la lezione di Raffaele La Capria, da napoletano ai napoletani, sia fondamentale. Ma inascoltatamarina

I commenti sono chiusi.