Scaletta del Tg5 di questa sera

Prima notizia data come una bomba: gli stipendi dell’Italia gli ultimi d’Europa,prezzo del petrolio alle stelle; segue servizio sul prezzo del pane che i panificatori non vogliono certo diminuire. Nessun cenno su una delle notizie del giorno, il debito pubblico che cala di 2 punti percentuale. Poi cronaca politica con servizio su Berlusconi sul palco di Milano tra gli sbandieratori (sono già passati 3 giorni dal discorso del palalido) seguono immagini dello stesso che cammina fiero, poi intervista sui danni dell’eventuale governo della sinistra, nessuna parola su Ciarrapico, (per il lavoro sporco ci pensa Bondi con il suo commento) il tutto per 5 minuti circa. Seguono 30 secondi di intervista a Veltroni sul Nord est subito controbattuto da Galan e Maroni che con intervista dice che Veltroni non beccherà un solo voto in più al Nord. Poi 20 secondi di un Di Pietro balbuziente, tutta la serie di commenti degli altri partiti e partitini e chiusura con botto con intervista di 1 minuto a Boselli con un intervento molto duro, indovinate contro chi? Avete indovinato, bravi, contro Veltroni. Incredibile ma è andata così.

Ma che bisogna fare per vivere in un paese con una parvenza di civiltà e con una informazione non dico imparziale ma almeno accettabile.
Pensare che questo obbrobrio verrà visto da 7-8 milioni di persone ogni sera fino alle elezioni mi fa sfarinare i cabasisi in maniera inverosimile.

Precedente Successivo

3 commenti su “Scaletta del Tg5 di questa sera

  1. Volevo aggiungere che uno come Mimun in paese normale farebbe il redattore in qualche mensile tipo quelli sulla salute che si trovano nelle sale d’attesa degli ospedali.

  2. Anonimo il said:

    io i tg me li guardo a turno quasi tutti, e fidati, quello di canale 5 non è sicuramente tra i peggiori.Eppoi? si puo’ essere che il cavaliere non piaccia, sono per il libero pensiero, ma la campagna elettorale di Veltroni, il nuovo che avanza, e un tantinello ridicolina, no? Vabbè ognuno la veda come gli pare, speriamo che se non altro si arrivi ad un vero bipolarismo ed un risparmio di soldi dei cittadini, questo sia che vinca la destra o la sinsitra dobbiamo sperarlo tutti. (ines..)

I commenti sono chiusi.