Sogni canonici

P– ancora sogni?
A– siempre, e tu sogni?
P– stanotte sì, tanto
A– racconta…
P– un funerale di monsignori, cardinali, era morta una super-suora, macchinoni parcheggiati, ferrari, megasuv, macchine coi vetri oscurati, che roba ansiogena…
A– a colori?
P– Si cappelli rossi da cardinale, un sacco di gente di potere, molto rispetto per la morta, come se fosse una mega santa, ma per ricchi
A– eri attore o guardavi come “occhi fuori campo”
P– sì ero in mezzo e non capivo, avevo paura, non vedevo l’ora di uscire, troppa confusione, che ne so…la morte, il potere oscuro
A– la morte spaventa…
P– poi ho fatto un altro sogno, non ricordo se prima o dopo di questo,
c’erano i vicini di casa, con cui non c’è un rapporto di “vicinato”, che ci portavano tre dolci, nello specifico erano dei rollo’, non so se li conosci, abbastanza tipici della mia zona in Sicilia, sono come delle girelle, ma con molta più crema o ricotta, sono buonissimi, si sciolgono in bocca. Pero’ in questo caso posso spiegare, ieri sera non ho trovato la nutella, qualcuno l’ha imboscata e mi sarà rimasto il desiderio inappagato 🙂
A– ^_^
P– Tra l’altro stamattina, ascolto una canzone in macchina. A casa la cerco su youtube guardo il video, ed è abbastanza inquietante, in tema con il sogno precedente del funerale
A– che canzone era?
P– “natural blues” di Moby, l’ho pure postata su fb
A– perchè inquietante?
P– pensavo fosse una canzone carica di vitalità, mentre guidavo ballavo al ritmo della canzone, e invece…
A– ma cosa c’entra con il sogno?
P– beh, guardalo, mi pare c’entri molto con la morte…
A– darò un’occhiata, dopo…ma questi sogni erano bei sogni? o ti hanno lasciato una inquietudine addosso?
P– no, non particolarmente, solo nel momento del funerale un po’ di ansia, ma sogno spesso funerali…
A– io non so leggere i sogni, ma mi capita spesso di sognare cose brutte, che però hanno lasciato un’ impressione positiva al mattino. Non so, un volta ho sognato che mi sparavano e io morivo. a raccontarlo è brutto, ma è stato un sogno bellissimo, me lo ricordo ancora ora dopo anni!
P– uhm… mi sa che faccio il copia e incolla e ci faccio una nota e un post di questa discussione, ti metto un’iniziale inventata, che preferisci?
A– facciamo prima se ci parliamo IN CHIARO!!!
P– eheh ma sto molto sul generico, non metto i tuoi sogni, solo i miei…, prima te la mando come messaggio e mi dai il placet 🙂
A– comunque io credo che nei sogni, uno non dovrebbe leggere solo le immagini, ma soprattutto le sensazioni…
P– uhm…i sogni sono pezzi di vita in fondo
A– di vita non vissuta, di vita che hai dentro, in nuce, forse, come opzione, non so…
P– magari la differenza non è così significativa, anche il passato vissuto puo’ essere classificato come sogno ormai…
A– ma no! si fa per dire, a me piacciono i sogni, purtroppo non ne faccio tanti…
P– Basta altrimenti ci toccherà entrare in analisi. Aspe’ che metto a posto la nota e te la mando, correggi la bozza e se hai un finale scoppietante lo aggiungi…
A– ah ok , il solito insomma…
P– eheh vedi, non ti chiedo cose assurde, ma cose che fai solitamente….

Ecco il video inquietante di questa mattina

Ti è piaciuto il post? Vota Ok oppure No. Grazie!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Precedente Nuova piantina del metrò di Milano Successivo RESTIAMO UMANI - Appello a tutti i dirigenti della Sinistra Italiana

Un commento su “Sogni canonici

I commenti sono chiusi.