Precedente La posizione ufficiale del Pd alle proposte di riforma del governo Successivo Alba Parietti viene appoggiata anche da un vecchio giornale della sinistra extraparlamentare

32 commenti su “Tutta colpa di Di Pietro

  1. la cosa assurda è che in un momento in cui la questione morale diventa una questione che tocca il pd, cercano di isolare chi della quesione morale ne fa un punto strategico, tra l’altro l’unico partito che aumenta i consensi, per la serie facciomoci ancora del male…

  2. Ero convinto che dopo la batosta alle elezioni regionali abruzzesi, indipendentemente da Di Pietro o altre alleanze varie, il PD avrebbe colto l’occasione per fare autocritica sull’inesistenza politica degli ultimi mesi e che avrebbero cercato di capire dove stanno gli errori…Hanno fatto autocritica, ma in quanto a capire gli errori, credo che dopo aver toccato il fondo, si stiano apprestando a scavare!E’ nociva per il PD l’alleanza con Di Pietro. Senza di lui avrebbero potuto prendere esattamente quanto hanno preso, ma da soli. Vuoi mettere il vantaggio!!

  3. bravi, si staccassero.Cosi’non rischiano di confondersi con un partito di opposizioneInoltre, mi sembra strategicamente corretto staccarsi da un partito che guadagna consensi ogni giorno di piu’sono pazzi?stupidi?folli? dementi?beh, non importa, tanto tra un po’ finiranno tutti in galeraah ecco perche’ vogoiono staccarsi da Di Pietro, hanno paura che ce li voglia sbattere!!

  4. Il motivo secondo me è semplice.Al pdl (ovvero l’egregio statista) non piace di pietro. Con di pietro il dialogo (ovvero inciucio) non si può fare. Senza dialogo l’opposizione non riesce a fare l’opposizione. Non è al centro dell’attenzione. Indi, via Di Pietro.Che se poi Di Pietro si staccasse, farebbe anche meglio. Facendo capire alla gente quanto patetico sta diventando la classe politica della cosiddetta sinistra riformista.

  5. Di Pietro ha fatto il massimo che si poteva fare in Abruzzo. Costantini era un ottimo candidato, ma è stato tutto vanificato dal ricordo di quello che aveva fatto quel ladrone di Del Turco. Chiodi(PDL) è invece una disgrazia per l’Abruzzo che con le trivellazioni petrolifere dell’Eni,davanti alla città di Ortona e con le raffinerie nelle terre più ricche di vigneti nell’entroterra, sponsorizzate dal cavaliere rischià di diventare da regione + verde d’Europa una succursale di Porto Marghera.Ripercussioni sul turismo e sull’agricoltura locale per l’arricchimento di un solo soggetto l’Eni. Mala tempora currunt!

  6. Spiace dirlo,ma se il PD non rivoluziona davvero sè stesso (cosa improbabile,perchè il potere lo hanno i soldi,che hanno bisogno delle amministrazioni..),è fritto.Loro non sono dentro il “sistema”,loro ne sono un pezzo vitale,ciao.

  7. Penso che Di Pietro ispiri al momento più fiducia dei suoi alleati…di questo passo il consenso per lui aumenterà ancora di più. Di Pietro – da buon volpone molisano – lo sapeva e lo sa. Certo che l’ingenuità del PD è gigantesca. D’altra parte il partito è poco credibile e in più sta pagando lo scotto di aver appoggiato un governo che si attirò le critiche di mezzo mondo per quella finanziaria da cavallo che si riprometteva il risanamento dei conti pubblici e che in pratica equivaleva ad un indiretto regalo al nuovo inquilino di Palazzo Chigi. Invece non fu fatto nulla o quasi per quei lavoratori e quei precari che adesso vorrebbe difendere. Lo poteva fare benissimo dieci mesi fa con una congiuntura economica anche più favorevole. Berlusconi è molto più pragmatico e furbo: lo ha dimostrato con le sue aziende e lo dimostra anche in politica.

  8. Pasolini nel celebre “Scritti corsari” aveva previsto lo svilupparsi della futura (cioè l’atttuale) classe politica:divideva da una parte un partito legato al consumismo (pdl) e un altro focalizzato sui valori arcaici quali lavoro,giustizia, etica(il pd è avvertito se andremo avanti così l’unica opposizione credibile sarà quella dell’Italia dei valori).Io sono del pd ma in questo momento è difficile rispecchiarsi nei vertici di Roma.un salutoAndrea Rusconihttp://andrearusconi.blogspot.com/

  9. Ma che caso Pietro,è strano,veramente strano MA IL mio commento al tuo commento si adatta DRRAMATICAMENTE anche al tuo post[[Vero @Pietro…D.R.A.M.M.A.T.I.C.A.M.E.N.T.E.V.E.R.O.]]C’ qualcosa che NON VA in quest’Italietta del caxxo cavolo,si,c’è propio qualocsa che NON va,si….T.U.T.T.O.!!DI Pietro non è un fine ma un mezzo,si!utile a se stesso-Costretti a ricorrere a Di Pietro!!!!bha:-(

  10. E poi Costantini è tanto un bell’omo, peccato, avrei potuto vederlo tutti i giorni, passare davanti al mio negozio che sta a due passi dalla presidenza regionale. Si vede che mi sto disimpegnando????? :-))

  11. Ma suvvia …Walter sta analizzando la sconfitta,diamogliene atto!!!!..per capire cosa è successo ci metterà giusto quelle 2 o 3 legislature berlusconiane!!!

  12. Anonimo il said:

    che tristezza, da quando ho memoria “politica” ricordo solo scissioni e litigi a sinistra…tutto è nato da una scissione…mah… Buona serata carissimo

  13. In effetti il PD è un Partito di Dementi.Prendi Veltroni,per esempio: un uomo di una banalità allucinante, quando parla sembra che voglia fare tutto il precisino del cazzo e poi in casa sua si circonda di gente onesta, come gli amministratori di Napoli, Pescara, Abruzzo…Da domani, quando il buon Walter predicherà bene del suo partito e dirà tutto il male del Presidente del Consiglio – formula idiota di chi sa di perdere o è perdente a priori! – che valore avranno le sue parole se non quello di essere solo vacua retorica?Di Pietro è detestabile, sembra l’unico che non abbia scheletri negli armadi…ma il caso della sua discesa in campo resta sempre un mistero…uno che da PM si faceva prestare 100 milioni…come dire, sospetti ce ne sono…

  14. il viandante,il più pulito ha la rogna, siamo in Italia,un paese dove l’onestà non ha un valore positivo, quanto di coglionaggine. Di Pietro almeno sembra che non voglia fare l’interesse degli avvocati dei delinquenti, come sembra che vogliano fare tutti gli altri, con le varie leggi, leggine e riforma della giustizia..

  15. E’ sempre la solita storia, ma perchè non si uniscono a berlusconi tanto per me cambia solo il senso di marcia e non gli interessi!Ciao

I commenti sono chiusi.